domenica 22 luglio 2018
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

L’equiseto: quasi un fossile vivente

Nei prati intorno a Tor San Michele scopriamo questa pianta particolare molto antica

Gli Equiseti sono tra gli organismi più antichi della terra: sono infatti piante più primitive di quelle a fiore (le angiosperme). Non possiedono organi sessuali distinti e quindi non hanno polline ma si propagano e si riproducono grazie alle spore, come fanno i funghi.
È una pianta perenne erbacea che cresce ai bordi dei campi coltivati e lungo i fossi, preferibilmente in zone umide. Durante la stagione invernale però non presenta organi aerei e le gemme si trovano in organi sotterranei detti rizomi.
Il nome Equisetum significa “crine di cavallo”: fu il medico greco Dioscoride Pedanio, che esercitò a Roma ai tempi dell'imperatore Nerone, a descrivere questa pianta. Veniva usata come diuretico e antiemorragico. Si raccolgono i suoi fusti sterili (quelli verdi fotosintetici che non servono alla riproduzione, tipica dei fusti fertili di colore bianchiccio) che vengono impiegati per usi erboristici e in cucina. Quasi tutte le specie non sono adatte all'uso interno perché tossiche. Contengono alcaloidi in diverse quantità, come nicotina e soprattutto palustrina, un veleno che agisce sui nervi e la muscolatura e che provoca avvelenamenti anche gravi negli animali domestici.


L’equiseto: quasi un fossile vivente


L’equiseto: quasi un fossile vivente


L’equiseto: quasi un fossile vivente


L’equiseto: quasi un fossile vivente

di Aldo Marinelli del 15 maggio 2018

Natura


Nel regno degli argiopi

Nel regno degli argiopi

Tantissimi ragni concentrati in poco spazio: è il loro regno nella Pineta delle Acque Rosse

di Aldo Marinelli del 20 luglio 2018

 
Il gigaro o pan di serpe

Il gigaro o pan di serpe

Scopriamo qualcosa di più sulla calla selvatica, pianta comunissima ma velenosa e dagli adattamenti riproduttivi molto interessanti

di Aldo Marinelli del 19 luglio 2018

 
Le oloturie o cetrioli di mare

Le oloturie o cetrioli di mare

Le onde lunghe di libeccio portano sulla battigia questi stranissimi animali molto simili agli ortaggi di cui portano il nome...ma non solo

di Aldo Marinelli del 06 luglio 2018

 
Il bruco della falena del pancrazio

Il bruco della falena del pancrazio

La Brithys crini pancratii è un Noctuidae sempre più raro sulle nostre spiagge

di Aldo Marinelli del 05 luglio 2018

 
Curriculum |m@il | © 2013 2017 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016