domenica 4 dicembre 2022
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Ostia tra futuro e passato: l'insabbiamento del Canale dei Pescatori

Inizia oggi una rubrica in collaborazione con lo storico amatoriale Giovanni Mustazzolu, in cui documenti del passato descrivono come sono state studiate e a volte risolte alcune problematiche attuali del territorio


Ostia tra futuro e passato: l''insabbiamento del Canale dei Pescatori

Ostia e il suo territorio presentano delle criticità che si ripetono ciclicamente e che spesso sono state oggetto di tentativi di risoluzioni definitive o temporanee.
Grazie alla grande opera di ricerca negli Archivi di Stato da parte di Giovanni Mustazzolu possiamo trovare tali problematiche radicate nel passato e la cui scoperta avviene grazie a relazioni, lettere o progetti antichi.
Inizia oggi una rubrica che prende in considerazione alcune situazioni difficoltose che vanno avanti da secoli e che spesso non trovano ancora una soluzione finale.
Il primo grande problema considerato è l’insabbiamento del Canale dei Pescatori, importante arteria fluviale per i pescatori e per il deflusso delle acque interne del territorio. Cerchiamo di capire come nel tempo questo fenomeno sia stato affrontato.

ANNO 2022
È notizia giornaliera del problema dell’insabbiamento della foce del canale dei pescatori i cui titoli sui media sono: “Le barche non possono uscire” “Problemi di dragaggio e smaltimento delle arene dragate” “Pulizia dell’alveo del canale”.
A queste problematiche si aggiungono poi le proposte per eliminare l’insabbiamento, come il prolungamento dei moli del canale.
Documenti del passato descrivono le stesse problematiche e se pur in modo diverso propongono le stesse soluzioni:

ANNO 1795
Relazione per lo spurgo delle arene alla foce del canale
(documento originale visionato presso l'Archivio di Stato di Roma. Gli autori pubblicano parafrasando solo alcune frasi inerenti l’argomento in discussione)

Nella relazione i periti descrivono come la foce sia chiusa dalle arene "fino a palmi 7 di fondo sotto il pelo dell’acqua, eccettuato nella foce, che noi trovammo chiusa con quattro palmi nel maggior di altezza di arena e canne 5 di lunghezza qui portate dalle burrasche del mare. Questo canale è stato spurgato in tutta la sua lunghezza".
Inoltre, i periti propongono il prolungamento di contenimento "per ottenere libera la foce dell’Arno e […]prolungando con palizzate dentro il mare lo stesso proponiamo noi per la foce del canale dello stagno".

Ostia tra futuro e passato: l''insabbiamento del Canale dei Pescatori


Ostia tra futuro e passato: l''insabbiamento del Canale dei Pescatori






ANNO 1933
Lettera dell’Ing. Orsi al Capo del Governo Benito Mussolini sul costruendo ponte di Castelfusano
(documento originale visionato presso l'Archivio Centrale dello Stato. Gli autori pubblicano parafrasando solo alcune frasi inerenti l’argomento in discussione)

"[...]l'attenzione sul costruendo ponte di Castelfusano. L'utilizzazione del Canale di Castelfusano così come si trova, senza particolari spese, per il ricovero di piccoli battelli a vela, a remi e con fuoribordo è possibile se, […] fosse incaricato un sorvegliante a ripristinare lo "sfocio" del canale con pochi colpi di pale, dopo l'insabbiamento inevitabile dovuto alle mareggiate.
I 15 centimetri circa di fondale minimo così ottenibili sulla bocca sono sufficienti a permettere di spingere piccole imbarcazioni dal mare nell'interno del canale con il solo intervento del proprietario senza ricorrere a speciali aiuti sempre costosi e spesso introvabili […]. Tuttavia, se il ponte che dovrà essere costruito sul canale per consentire il prolungamento del viale non sarà munito di un sistema qualsiasi per renderne apribile la parte centrale, sarà inevitabilmente preclusa ogni possibilità di utilizzazione del canale come ricovero di anche piccole imbarcazioni. Ed allora un centro balneare che sarà forse destinato a divenire uno dei più importanti del genere per la presenza di Roma alle sue spalle offrirà lo spettacolo davvero poco felice di un mare quasi deserto. Con profonda osservanza, Ing, Alessandro Orsi"




Ostia tra futuro e passato: l''insabbiamento del Canale dei Pescatori


Ostia tra futuro e passato: l''insabbiamento del Canale dei Pescatori


Articolo firmato da Aldo Marinelli e Giovanni Mustazzolu che afferma di se: "Girovagando su internet si vedono molti siti che parlano di progetti per Ostia, da profano posso solo prenderne atto informativo, non sono un professionista né di urbanistica e neppure di architettura"

di Aldo Marinelli del 12 ottobre 2022

Ostia


Ostia tra futuro e passato: il sovrappasso della Stazione di Ostia Antica

Ostia tra futuro e passato: il sovrappasso della Stazione di Ostia Antica

Scopriamo la storia del mostro così come viene definito il sovrappasso che dal piazzale della stazione di Ostia Antica consente l’attraversamento della Via del Mare per arrivare al parco archeologico di Ostia Antica

di Aldo Marinelli del 13 novembre 2022

 
Perché La “mia” Ostia?

Perché La “mia” Ostia?

Riflessioni sul perché nasce questa pagina e questo giornale

di Aldo Marinelli del 07 ottobre 2017

 
La storia del Pontile dei Pescatori di Ostia

La storia del Pontile dei Pescatori di Ostia

Aperto nel 2006 e distrutto da una mareggiata nel 2012, il Pontile dei Pescatori è ormai un luogo del cuore per tutti gli abitanti di Ostia e non solo, nonostante tutto

di Aldo Marinelli del 05 novembre 2016

 
Ostia tra futuro e passato: l'Idroscalo e gli interventi dell'uomo

Ostia tra futuro e passato: l'Idroscalo e gli interventi dell'uomo

Scopriamo come l’uomo sia intervenuto all'Idroscalo per le sue problematiche, che ritornano tra futuro e passato, come dimostrano le ricerche di Giovanni Mustazzolu

di Aldo Marinelli del 01 novembre 2022

 
Curriculum |m@il | © 2013 2021 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016