venerdì 21 giugno 2024
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Grazie alla rete che ormai si sta formando sul territorio una strana presenza ci è stata subito segnalata e poi identificata. Si tratta di un mollusco comune ma non diffuso.



Quando la collaborazione sul territorio diventa reale, si crea una rete (non da pesca..) che ti permette nel giro di poco tempo di rispondere alla chiamata di un pescatore allarmato per uno strano rinvenimento. Negli ultimi anni stiamo notando infatti una maggiore sensibilità da parte di chi pesca amatorialmente (ma non solo).
Questa volta sono stati Fabio e Alex a contattarmi per alcune “strane” presenze sulla sabbia e nel mare. Anche questa volta “Ostia in action” ha colpito immediatamente.
Il biologo marino Filippo Fratini è subito andato sul luogo del rinvenimento e grazie alla conferma del biologo marino Andrea Bonifazi abbiamo subito avuto la risposta al mistero.
Non tutto sembra ciò che è…le strane presenze infatti appartenevano ad un animale, erano cioè parti spezzate dal corpo che poi è stato pescato successivamente da Filippo.
Si tratta del mollusco nudibranco Tethys fimbria, comune ma non diffuso, appartenente alla famiglia dei Tethydae, chiamato anche satiro o angelo del mare. Normalmente i nudibranchi sono coloratissimi e piuttosto piccoli, ma il Tethys si riconosce immediatamente per le grandi dimensioni (le maggiori nel Mediterraneo, raggiunge i 30cm) e per un velo molto largo grigiastro provvisto di tentacoli dorsali, detti cerata (le famose presenze misteriose) coi quali cattura crostacei e ricci di mare. Questi vengono distrutti grazie a delle piastre abrasive contenute nello stomaco.

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria
Foto da Wikipedia

I cerata, maculari neri, sono dotati di due punte arancioni luminescenti all’estremità: essi possono essere persi per autotomia in modo da distrarre l’eventuale predatore.

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Bellissimo il loro movimento ondulatorio sul fondo del mare, sabbioso o fangoso (fino a 150metri). In gennaio-marzo sono invece più superficiali, presumibilmente per il momento della riproduzione.

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

di Aldo Marinelli del 18 marzo 2023

Natura


La Zerynthia cassandra

La Zerynthia cassandra

Impariamo a conoscere una farfalla e il suo bruco, estremamente localizzata e non sempre facile da osservare

di Aldo Marinelli del 12 maggio 2024

 
La vita di un fontanile

La vita di un fontanile

Il mondo microscopico dell'acqua stagnante in un fontanile all'interno della Tenuta del Presidente a Castel Porziano

di Aldo Marinelli del 01 maggio 2024

 
Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Riflessioni di un prof di scienze, sconsolato da quello che vede attorno

di Aldo Marinelli del 13 agosto 2023

 
Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Alle giornate Sarde di Ostia l'agrume tra i più rari al mondo, che nasce spontaneo solo a Siniscola, in provincia di Nuoro

di Aldo Marinelli del 02 ottobre 2022

 
Curriculum |m@il | © 2013 2023 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016