martedì 25 gennaio 2022
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Il gigaro o pan di serpe

Scopriamo qualcosa di più sulla calla selvatica, pianta comunissima ma velenosa e dagli adattamenti riproduttivi molto interessanti


Il gigaro o pan di serpe


Sicuramente avrete incontrato questa pianta nelle zone più umide di Castelfusano o Procoio riconoscibile dal fiore simile alla calla dei vivai.
Il gigaro infatti viene chiamata anche calla selvatica (Arum italicum) per la sua tipica infiorescenza a spadice, sulla quale fioriscono, in basso, i fiori femminili e in alto, quelli maschili. Essi emanano un forte odore putrescente per attirare soprattutto mosche. Il nome del genere, Arum, indica la caratteristica di emanare calore durante la fioritura. Questo permette allla pianta di tenere in “ostaggio” l’insetto finchè non sarà avvenuta la totale impollinazione.
Il frutto è una pannocchia di bacche rosse che attirano soprattutto uccelli ma non serpenti come vuole la tradizione popolare, da cui la pianta ha preso l’altro nome pan di serpe o pan di biscia. Le credenze antiche immaginavano che i serpenti prendessero il loro veleno proprio da questi frutti. Le bacche infatti sono altamente velenose per noi, provocando addirittura la morte. Anche il solo contatto con le foglie può provocare irritazioni.
In tempo di carestia invece si riuscivano a mangiare i rizomi sotterranei dopo una efficace cottura.


Il gigaro o pan di serpe


Il gigaro o pan di serpe

di Aldo Marinelli del 19 luglio 2018

Natura


Le ghiande di farnia e la galla di Knopper

Le ghiande di farnia e la galla di Knopper

Mature in questo periodo, le ghiande peduncolate della farnia sono riconoscibili e bellissime

di Aldo Marinelli del 27 settembre 2021

 
Storia di un polpo

Storia di un polpo

Grazie al biologo marino Filippo Fratini raccontiamo una storia a lieto fine che ha come protagonista un piccolo polpo della specie Octopus vulgaris

di Aldo Marinelli del 28 giugno 2021

 
Anacamptis coriophora, l'orchidea che odora di cimice, ma non qui da noi

Anacamptis coriophora, l'orchidea che odora di cimice, ma non qui da noi

Un'altra bellissima orchidea trovata sul nostro territorio, dai colori rosati e dall'eleganza incredibile

di Aldo Marinelli del 23 maggio 2021

 
Seguiamo la storia di Cery, il piccolo bruco della Cerura vinula

Seguiamo la storia di Cery, il piccolo bruco della Cerura vinula

Fiocco rosa a Ostia: sono nati i piccoli della Cerura vinula. Seguiamo giorno per giorno il loro crescere, fino a che diventeranno bozzoli

di Aldo Marinelli del 22 maggio 2021

 
Curriculum |m@il | © 2013 2021 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016