lunedì 26 febbraio 2024
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Il gigaro o pan di serpe

Scopriamo qualcosa di più sulla calla selvatica, pianta comunissima ma velenosa e dagli adattamenti riproduttivi molto interessanti


Il gigaro o pan di serpe


Sicuramente avrete incontrato questa pianta nelle zone più umide di Castelfusano o Procoio riconoscibile dal fiore simile alla calla dei vivai.
Il gigaro infatti viene chiamata anche calla selvatica (Arum italicum) per la sua tipica infiorescenza a spadice, sulla quale fioriscono, in basso, i fiori femminili e in alto, quelli maschili. Essi emanano un forte odore putrescente per attirare soprattutto mosche. Il nome del genere, Arum, indica la caratteristica di emanare calore durante la fioritura. Questo permette allla pianta di tenere in “ostaggio” l’insetto finchè non sarà avvenuta la totale impollinazione.
Il frutto è una pannocchia di bacche rosse che attirano soprattutto uccelli ma non serpenti come vuole la tradizione popolare, da cui la pianta ha preso l’altro nome pan di serpe o pan di biscia. Le credenze antiche immaginavano che i serpenti prendessero il loro veleno proprio da questi frutti. Le bacche infatti sono altamente velenose per noi, provocando addirittura la morte. Anche il solo contatto con le foglie può provocare irritazioni.
In tempo di carestia invece si riuscivano a mangiare i rizomi sotterranei dopo una efficace cottura.


Il gigaro o pan di serpe


Il gigaro o pan di serpe

di Aldo Marinelli del 19 luglio 2018

Natura


Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Riflessioni di un prof di scienze, sconsolato da quello che vede attorno

di Aldo Marinelli del 13 agosto 2023

 
Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Grazie alla rete che ormai si sta formando sul territorio una strana presenza ci è stata subito segnalata e poi identificata. Si tratta di un mollusco comune ma non diffuso.

di Aldo Marinelli del 18 marzo 2023

 
Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Alle giornate Sarde di Ostia l'agrume tra i più rari al mondo, che nasce spontaneo solo a Siniscola, in provincia di Nuoro

di Aldo Marinelli del 02 ottobre 2022

 
I lattarini in banco, movimenti ipnotici

I lattarini in banco, movimenti ipnotici

Un banco di lattarini che si muove in acqua è uno spettacolo che ipnotizza: capiamo qualcosa di più su questi movimenti e sulla specie

di Aldo Marinelli del 29 luglio 2022

 
Curriculum |m@il | © 2013 2023 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016