domenica 18 aprile 2021
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine

“Obiettivo Ostia” un percorso di scuola-lavoro che mi ha fatto conoscere Ostia con occhi diversi, occhi da fotografa, occhi attenti ai particolari. Così Eleonora Villano riassume la sua esperienza.


Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Le sei lezioni svolte nei mesi di marzo e aprile mi hanno fatto vedere Ostia attraverso l’obbiettivo di una macchinetta fotografica.
Ostia ha diverse sfumature ed è difficile notarle tutte, ma questo corso me ne ha fatte vedere alcune e tutte queste sfumature mi hanno fatto pensare ad Ostia come ad un libro, perché per conoscerla bisogna aver letto tutto, fino alla fine.
La copertina è la parte di Ostia che vedono tutti: il mare, la pineta, i buonissimi krapfen di piazza Anco Marzio, il tranquillo borghetto…

Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine



Ma, quando poi inizi a leggerne i capitoli scopri alcune storie non molto piacevoli, come quella del piccolo Simeone ritrovato senza vita nella pineta di Procoio dopo aver subito abusi da parte del padre di un suo amico. Ascoltando la sua storia ho provato una stretta al petto che molto probabilmente non scorderò molto facilmente; ora nel luogo dove è successa questa tragedia c’è una piccola vela verde con scritto “A Simeone” con sotto una sua foto proprio per non dimenticarlo. Se rimane li, nella pineta, nascosta da tutti e da tutto, a poco a poco la sua storia andrà dimentica e non dovrebbe mai accadere perché storie come questa vanno ricordate per poter fare di più se mai dovessero succedere di nuovo.

Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Storie di una vita fatta di lavoro e fatica, come quella del pescatore Michele, che ogni giorno si sveglia presto per andare a pescare e che ama il silenzio e la solitudine di quando si sta soli in mare sulla propria barca;

Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


oppure storie fatte solamente di pregiudizi ma quando le vivi sono tutto il contrario di quello che dice la gente come quella sull’Idroscalo, la signora Franca ci ha raccontato com’è vivere li, com’è stato vivere una deportazione, com’è stato lottare per la propria casa e da questo incontro con lei ho capito che ci sono persone veramente crudeli e che nell’Idroscalo non è vero che ci vivono persone poco di buono, sono solo persone riservate alle quali non vanno a genio gli “intrusi” che gironzolano per le loro viette e come dargli torto dopo tutto quello che hanno passato?

Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Ostia è come un libro, perché per conoscerla bisogna averlo letto tutto, fino alla fine


Un consiglio a tutti i lettori de “La mia Ostia” non ascoltate i telegiornali e i giornali che dipingono Ostia come un territorio degradato e mafioso, uscite di casa e vivete Ostia, fatevi un giro con la mente vuota da pregiudizi e stereotipi, credetemi se vi dico che cambierete subito idea su Ostia.

Questo progetto oltre ad aiutarci ad utilizzare al meglio una macchina fotografia ci ha fatto VIVERE Ostia a 360° e questa è sicuramente la cosa che ho amato di più.

di Aldo Marinelli del 09 agosto 2019

Speciali


Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano, Vigile del Fuoco nella caserma di Ostia, insieme al suo collega Marco De Felici, racconta come ha portato in salvo i tre bambini di Casamicciola, Paqualino, Mattias e Ciro, intrappolati sotto le macerie del terremoto

di Aldo Marinelli del 05 settembre 2017

 
Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Analizziamo i movimenti del sole all'alba e al tramonto nel corso di un anno; da novembre a febbraio sia l'alba che il tramonto sono visibili sul mare, come riferimento il nostro pontile

di Aldo Marinelli del 16 settembre 2016

 
Nettuno ha di nuovo il suo tridente

Nettuno ha di nuovo il suo tridente

Grande sorpresa prima della Pasqua: il Nettuno ha riavuto il suo tridente, grazie ai nostri piccoli grandi eroi

di Aldo Marinelli del 31 marzo 2021

 
Progetto fauna: monitoriamo i nostri animali selvatici

Progetto fauna: monitoriamo i nostri animali selvatici

Con una serie di fototrappole poste sul nostro territorio naturale, inizia uno studio sulla presenza di animali selvatici a Ostia

di Aldo Marinelli del 29 marzo 2021

 
Curriculum |m@il | © 2013 2020 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016