venerdì 21 giugno 2024
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

La Zerynthia cassandra

Impariamo a conoscere una farfalla e il suo bruco, estremamente localizzata e non sempre facile da osservare

La Zerynthia cassandra è secondo la IUCN, Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, una specie abbondante e comune dove presente, con una tendenza della popolazione ad essere stabile, diffusa dalla Liguria centrale alla Sicilia.



La particolarità è che presenta piccole colonie molto localizzate, dove appare in diminuzione. Finalmente oggi sono riuscito a trovare i suoi bruchi nella pineta delle acque rosse, dove vive la sua pianta ospite, l'Aristolochia rotunda.

La Zerynthia cassandra
Bruco della pineta delle acque rosse

Solo nel 2010 si è dimostrato che questa specie che vive in Italia peninsulare è differente per genitali dalla Zerynthia polyxena dell'Europa continentale continente (compresa Francia del Sud), delle pre-Alpi, dell'Appennino Ligure Nord-Occidentale e della Pianura Padana. [Dapporto (2010)]

La Zerynthia cassandra
Adulto nella tenuta presidenziale di Castelporizano, 2024

La Zerynthia cassandra è quindi una specie endemica italiana. In Europa Zerynthia polyxena è protetta dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE (Allegato IV: specie di interesse comunitario che richiede protezione rigorosa) e dalla Convenzione di Berna (Allegato 2), ed è ovviamente auspicabile che in tempi brevi anche la Zerynthia cassandra possa essere inserita negli elenchi delle specie protette.

La Zerynthia cassandra
Larva trovata nella tenuta presidenzale di Castelporizano


La Zerynthia cassandra
Larva trovata nella pineta delle Acque Rosse a Ostia


La Zerynthia cassandra
Larva trovata nella pineta delle Acque Rosse a Ostia


La Zerynthia cassandra
Larva trovata nella pineta delle Acque Rosse a Ostia

L'ambiente in cui vive il bruco è strettamente connesso alle piante di cui si ciba, il genere Aristolochia, che vive in luoghi umidi, incolti e ai margini di prati coltivati e radure.

La Zerynthia cassandra

L'Aristolochia è una pianta tossica e quindi il bruco mangiandola assume le sue sostanze. Per questo motivo sia il bruco che la farfalla adulta mostrano una colorazione aposematica, cioè colori che contengono il rosso e il giallo per scoraggiare gli eventuali predatori.
L'Arstolochia rotunda (potete vedere la scheda a questo Link) in Italia è piuttosto comune nelle regioni del centro-sud, mentre è più rara al nord.

La Zerynthia cassandra


La Zerynthia cassandra


La Zerynthia cassandra


La Zerynthia cassandra

L'adulto ha solo una generazione annuale, primaverile e lo potete vedere volare dalla metà di marzo alla fine di maggio

di Aldo Marinelli del 12 maggio 2024

Natura


La vita di un fontanile

La vita di un fontanile

Il mondo microscopico dell'acqua stagnante in un fontanile all'interno della Tenuta del Presidente a Castel Porziano

di Aldo Marinelli del 01 maggio 2024

 
Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Ebbene sì, anch’io soffro di eco-ansia

Riflessioni di un prof di scienze, sconsolato da quello che vede attorno

di Aldo Marinelli del 13 agosto 2023

 
Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Uno strano rinvenimento: Tethys fimbria

Grazie alla rete che ormai si sta formando sul territorio una strana presenza ci è stata subito segnalata e poi identificata. Si tratta di un mollusco comune ma non diffuso.

di Aldo Marinelli del 18 marzo 2023

 
Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Conosciamo la Pompìa, frutto endemico di Siniscola presente alle giornate sarde di Ostia

Alle giornate Sarde di Ostia l'agrume tra i più rari al mondo, che nasce spontaneo solo a Siniscola, in provincia di Nuoro

di Aldo Marinelli del 02 ottobre 2022

 
Curriculum |m@il | © 2013 2023 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016