lunedì 10 dicembre 2018
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni

"Grazie a questo progetto ho imparato che tutto ciò che si vive al di fuori di se stessi deve essere appreso ed assorbito attraverso un occhio antropologico"

Per alcune studentesse del liceo Anco Marzio di Ostia, l’estate del 2018 è iniziata con entusiasmo per essere state coinvolte in un nuovo progetto denominato “Obiettivo Ostia, il territorio visto con altri occhi”.
Il progetto consisteva in sei incontri che partivano da maggio e terminavano a metà giugno. Ad ogni incontro il professore e biologo Aldo Marinelli (il docente che teneva il corso fotografico) ci portava in varie e bellissime zone di Ostia, dai posti più conosciuti a quelli più remoti ma entrambi nascondevano i più bei tesori di questa piccola città sul mare.
Il tutto visto con occhi diversi, curiosi e pieni di voglia di scoprire.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Farfalla Aglaia, nella Pineta di Ostia
Questa esperienza mi ha regalato immagini bellissime, incontri speciali ma anche la possibilità di degustare i cibi caratteristici di questo territorio di mare;

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Il missile del negozio di Krapfen Paglia

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Alessandro Paglia

inoltre ha saputo farmi vedere senza veli di pregiudizi o aspettative i più veri e profondi valori che ci regala la vita attraverso l’ascolto attento e curioso delle storie di persone come chi lotta per tenersi la propria abitazione, o quella di un pescatore che si alza prima che il sole sorga perché ama il suo lavoro, ma anche di uno scrittore e del suo libro nel quale narra di un’epoca di Ostia, quando i bambini passavano il tempo semplicemente con una ruota di auto sgonfia che diventava il loro giocattolo più bello anche per tutto il giorno.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Giorgio Rascelli, scrittore

Questo progetto non solo aveva il fine di come usare al meglio una macchina fotografica, nelle sue funzioni e caratteristiche ma anche di trovare nuove emozioni nel sapere attraverso la conoscenza di cio’ che accade del nostro territorio. Ci ha consentito senza troppa timidezza di relazionarci con tutte le persone che abbiamo incontrato ed intervistato, non è stato solo un corso basato sulla fotografia ma anche sul lavoro che svolge il giornalista che fa l’inviato sul territorio.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni

In questi incontri abbiamo anche assistito alla processione di San Nicola, dove una schiera di persone mascherate hanno saputo rievocare personaggi dell’epoca del Santo con lo sfondo della chiesa di Regina Pacis, nell’atmosfera dei ritmi dei tamburi e della musica del tempo e della tradizione.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Foto scattata alla processione di San Nicola, cavaliere medievale

Ma sempre parlando di atmosfera ci siamo anche fatti cullare dall’armonia e tranquillità che ci ha offerto la nostra grande e colorata pineta all'interno della quale si trova la splendida riserva di Procoio.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni


Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni


Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni

Passando da un luogo all’altro i nostri occhi hanno potuto assaporare colori splendidi, caldi e vivaci come quelli di un grande banco di frutta e ortaggi che un fruttivendolo vendeva per la strada.

Obiettivo Ostia: il territorio visto con altri Occhi, le riflessioni di Eleonora De Simoni
Vivace banco di frutta in via Armuzzi

Con l’aiuto dello studio delle Scienze Umane grazie a questo progetto ho imparato che tutto ciò che si vive al di fuori di se stessi deve essere appreso ed assorbito attraverso un occhio antropologico, che privo di pregiudizi, possa riempire il proprio bagaglio culturale ed ampliare i nostri pensieri e le nostre chiusure mentali ad orizzonti molto più vasti e speranzosi, magari per un futuro migliore.

di Aldo Marinelli del 18 agosto 2018

Speciali


Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano, Vigile del Fuoco nella caserma di Ostia, insieme al suo collega Marco De Felici, racconta come ha portato in salvo i tre bambini di Casamicciola, Paqualino, Mattias e Ciro, intrappolati sotto le macerie del terremoto

di Aldo Marinelli del 05 settembre 2017

 
Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Analizziamo i movimenti del sole all'alba e al tramonto nel corso di un anno; da novembre a febbraio sia l'alba che il tramonto sono visibili sul mare, come riferimento il nostro pontile

di Aldo Marinelli del 16 settembre 2016

 
Matematica che passione

Matematica che passione

Vediamo come si possono usare i famosi dischetti inquinanti in un modo creativo e didattico

di Aldo Marinelli del 19 novembre 2018

 
Un granello di sabbia rispecchia la meraviglia dell’universo

Un granello di sabbia rispecchia la meraviglia dell’universo

Così scriveva Paulo Coelho e così comincia la nostra chiacchierata con il biologo marino Andrea Bonifazi per capire qualcosa di più sulla spiaggia nera di Ostia

di Aldo Marinelli del 16 novembre 2018

 
Curriculum |m@il | © 2013 2017 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016